Parchi del Wyoming

Devil’s Tower National Monument – Il primo Monument della Nazione

Il 24 settembre 1906 il Presidente Theodore Roosevelt proclama la Devil’s Tower – il monolite che si erge maestoso sulla pianura del nord-ovest del Wyoming (molto vicino al confine con il South Dakota) – primo National Monument degli Stati Uniti.

La montagna si erge per più di 206 metri dalla sua base e raggiunge i 1534 metri sul livello del mare. Si presenta come un cono con le pareti quasi verticali e la cima spezzata. Sulla sommità si trova una superficie pianeggiante e rotonda di 0,6 ettari. La sua sbalorditiva ed unica forma è frutto di un’evoluzione geologica di antichissime origini. Circa 60 milioni di anni fa, infatti, del magma proveniente dagli strati più profondi della terra si intruse tra le rocce sedimentarie più superficiali. Solidificandosi il magma colò lungo i lati del cono dando alla Devil’s Tower quelle sue caratteristiche striature verticali. Nel tempo, un lentissimo processo di erosione portò alla luce la formazione geologica così come oggi noi la conosciamo.

Il monolite è un simbolo privilegiato della storia Western ed unisce in un’unica icona tradizioni dei cowboy e dei Nativi americani. La sua figura solitaria e possente ha da sempre affascinato ed irresistibilmente attratto chiunque abbia avuto la ventura di vederlo da vicino. Il suo magnetismo è tale che molte tribù indiane delle Grandi Pianure lo considerano luogo sacro e ne hanno fatto lo scenario privilegiato di miti e leggende ancestrali: molti di loro chiamano il monolite “il Tipì dell’Orso” ed una storia Lakota narra di una terribile battaglia combattuta contro i Crow e vinta solo grazie al soprannaturale intervento del “Grande Orso”. Ma la Devil’s Tower nell’immaginario dei nativi è anche profondamente legata ai miti sulle origini ed è fonte ed ispirazione di saggezza e purificazione per coloro che vi si recano. Si racconta che persino i più celebri capi della Grande Guerra Indiana, Cavallo Pazzo, Nuvola Rossa e Toro Seduto, coloro che seppero mettere in scacco il Settimo Cavalleggeri di Custer, si recarono una volta in preghiera e meditazione alle pendici del monte.

Anche gli uomini della frontiera, avventurieri spesso privi di scrupoli alla ricerca di fortuna nel West, furono attratti dalla magnetica presenza della Devil’s Tower. Fu proprio un rancher del Wyoming, William Rogers, il primo temerario a raggiungerne la cima il 4 luglio 1893, costruendo una rudimentale scala alta 105 metri. Il 28 giugno 1937 fu, invece, la data della prima ascesa con tecniche tradizionali. Da allora, nel volgere di pochi anni, la scalata al monolite divenne una vera e propria tradizione, una sfida impegnativa ed appagante per gli amanti del no-limits, che ancora oggi affrontano volentieri le pendici quasi verticali della Devil’s Tower. Contrariamente alla maggior parte dei National Monument americani è – infatti – permessa l’arrampicata in ogni momento dell’anno ad eccezione del mese di giugno per rispetto delle tradizioni dei Nativi Americani.

By Rocky Mountain International Italia
www.RealAmerica.it

Inverno con avvistamento dei lupi allo Yellowstone National Park nella Lamar Valley

Chi desidera provare la forte esperienza di un incontro ravvicinato con i lupi dello Yellowstone National Park, può scegliere una settimana di soggiorno, organizzata dalla Yellowstone Association Institute, da Dicembre a Marzo.

Dal 1933 la nonprofit Yellowstone Association é l’ufficiale partner educativo dello Yellowstone National Park. Tramite il suo Institute e ad approfonditi programmi educativi ha aiutato a mettere in contatto migliaia di persone con il patrimonio dello Yellowstone. La partnership consente di proporre una vasta gamma di opportunità d’apprendimento ai visitatori e di godere a pieno di tutto ciò che lo Yellowstone offre. Lo Yellowstone National Park per la maggior parte si trova ad un altitudine di circa 2140 mt. Prevedete quindi un giorno anticipato d’arrivo per acclimatarvi. Si richiede che ogni partecipante provveda ad arrivare allo Yellowstone munito dell’abbigliamento consono. Il cambio climatico allo Yellowstone varia in accordo con le stagioni, ma per lo più si può considerare clima secco. E’ necessario idratarsi continuamente bevendo acqua che aiuta ad acclimatarsi. Le guide possono scegliere percorsi diversi secondo la condizione della neve. L’arrivo in inverno, con i propri mezzi, è dall’entrata di Gardiner, Montana, unica via disponibile poiché le strade interne al parco sono chiuse ai veicoli.

La settimana è un richiamo per tutti gli amanti e studiosi di lupi, ricercatori ed entusiasti che possono trovare il posto migliore al mondo per osservare questi predatori allo Yellowstone. E’ un’immersione totale nel mondo dei lupi tramite l’apprendimento grazie ad una settimana all-inclusive, presso il campo base del ranch, in un’ambientazione confortevole e rustica, ma al contempo in piena natura selvaggia. La ricerca e l’osservazione dei lupi è condotta da un esperto naturalista, guida che ha famigliarità con i lupi, con il loro spostamento, l’habitat ed il comportamento. Oltre all’incredibile ed unica opportunità d’avvistare i lupi, si apprendono anche la storia, la conservazione e protezione, e la gestione nella re-introduzione allo stato brado. Chi sogna di poter ammirare i lupi allo stato selvaggio e di poter conoscere chi s’impegnano oggi in questa ricerca naturalistica, andando oltre alla pura attrattiva e studiandone i vari aspetti, apprezzerà l’esperienza diretta nell’unico luogo al mondo che è il vero habitat accessibile all’avvistamento dei lupi. E’ anche un’opportunità per staccarsi dalla quotidianità, per rilassarsi e per sincronizzarsi ai ritmi naturali dal Parco Nazionale più antico del mondo. L’esperienza è aperta anche ai ragazzi dai 12 anni, purché accompagnati da almeno un adulto.

Ogni giorno inizia partendo al mattino presto a bordo di un pulmino, per la ricerca dei lupi. Una volta monitorati ed avvistati, si posizionano i telescopi per ammirare ciò che succede in natura. Si viaggia forniti di un picnic lunch per consentire maggiore libertà e tempo all’osservazione. Dopo la mattinata, ci si rilassa con un po’ di attività all’aria aperta, sci di fondo oppure escursioni con ciaspole: un modo per addentrarsi nell’habitat naturale dei lupi con il proprio istruttore. Il pomeriggio è dedicato al riposo, al relax o alla consultazione della biblioteca disponibile al Buffalo Ranch. La cena ogni sera è seguita da una presentazione oppure dalla possibilità di un’uscita notturna, unitamente al gruppo dei partecipanti, per ascoltare l’ululato dei lupi sotto le stelle. Il programma è aperto ad un numero limitato di partecipanti e comprende l’istruttore (solo di lingua inglese), le ciaspole e tre pasti completi ogni giorno. I pasti iniziano con la cena della sera d’arrivo e terminano con la colazione del mattino il giorno della partenza. Il soggiorno per la settimana è previsto presso due alloggi campus: lo storico Llamar Buffalo Ranch Field Campus o lo Yellowstone Overlook Field Campus. La Lamar Valley è la miglior zona d’avvistamento e stanziamento dei lupi allo Yellowstone.
https://www.yellowstoneassociation.org/experience

By Rocky Mountain Int. – www.Realamerica.it

Yellowstone National Park primo parco negli USA e primo National Park del mondo creato nel 1872.

Nel 1978 entra nella World Heritage list dell’ UNESCO Primo parco Americano World Heritage Site.

Un World Heritage Site attira ammirazione per le sue caratteristiche naturali e culturali, per il suo valore estetico o scientifico straordinario. Lo Yellowstone è un patrimonio che gli Americani condividono con il mondo. Copre 9,000km nel nord ovest del Wyoming, includendo porzioni in Idaho e Montana.

Yellowstone abbraccia straordinarie meraviglie della natura: è il più grande sistema terrestre di geyser Il parco è parte di una regione sismicamente attiva delle Rocky Mountains, un “hot spot” vulcanico. Famoso per gli elementi geo-litici e l’abbondante fauna, poggia sulla cima di una gigantesca caldera vulcanica la cui lava cristallizzata è fonte di calore per fenomeni idrotermali: geyser, fonti termali calde, polle di fango e fumarole. Si stimano tra i 200-250 geyser attivi e circa 10,000 fenomeni termali.

Le foreste di pini Lodge Pole dominano i paesaggi del parco. Ci sono 7 specie di conifere e circa 1.000 specie di piante vascolari. Il parco è una delle poche zone intatte dell’ecosistema delle aree temperate nordiche della terra. I bisonti allo stato brado sono i discendenti delle mandrie che un tempo pascolavano nelle Great Plains. Il parco è dimora di orsi grizzly, lupi grigi, grandi mandrie di cervi.

Yellowstone National Park è anche luogo di grandi valori storici e culturali. I siti archeologici del Nativi Americani datano 10.000 anni. Di pari importanza è l’ispirazione che la creazione dello Yellowstone ha profuso nel mondo: il parco preserva luoghi quali il Grand Loop Road Historic District che comprende 225 km di strade costruite in armonia con la natura e che conducono il visitatore alla scoperta dei maggiori siti.

Fort Yellowstone ad esempio, National Historic Landmark fu centro storico amministrativo e continua ancora oggi la sua funzione sulla Grand Loop Road: è qui che fino al 1919 un distaccamento militare Americano con gli sforzi civili implementarono procedure e regole di conservazionismo. Anche il Lamar Buffalo Ranch sulla medesima strada fu la risposta del parco nel 1907 per affrontare l’estinzione dei bisonti: l’allevamento ed il mantenimento di 27 bisonti in sicurezza consentì nel 1952 di ripopolare il parco e chiudere poi il ranch. Anche il Lake Fish Hatchery Historic District allo Yellowstone fu una riserva di pesca creata nel 1912 che forniva pesci ai fiumi ed ai laghi per offrire lo svago della pesca: per mezzo secolo circa 818 milioni di uova di trota furono coltivate e distribuite nelle acque dello Yellowstone ed in altre acque del National Park System. Ciò che rimane della prima struttura che il governo costruì per il pubblico nel 1881 è la Queen Laundry Bath House. Semplice chalet di tronchi d’albero concepito per offrire anche un luogo di svago ai visitatori. Yellowstone dispone anche dell’ospitalità di alloggi storici: il più spettacolare esempio é l’Old Faithful Inn, un National Historic Landmark che risale al 1903-04, uno dei pochi rari alberghi negli USA costruiti con tronchi d’albero e opera architettonica rustica. Lake Yellowstone Hotel è un’ altra opzione unitamente ad altri ancora nel parco.

Il parco dispone di molteplici visitor & information center ricchi di spunti per l’esplorazione dei visitatori. Un’abbondanza di opportunità per tutto l’anno, secondo interessi e capacità individuali. Il parco è aperto tutto l’anno con due unici periodi di chiusura primaverile ad autunnale, al cambio di stagione tra inverno ed estate.

Yellowstone ha cinque punti d’accesso ed ognuno varia a seconda della stagione: l’entrata a nord da Gardiner, MT, é l’unica che da accesso ai veicolo su gomma tutto l’anno, anche d’inverno.

Per info consultare il sito del National Park Service Yellowstone National Park

INFO: Rocky Mountain International Italia
www.RealAmerica.it