Wyoming

VUSA Member – Socio Sostenitore dell’Associazione Visit USA

Cowboy State

 

Il Wyoming: conta più cervi che abitanti ed é il posto dove ancora esistono cowboy ed indiani, dove la gente saluta genuinamente passando per strada in auto, e dove la campagna è completamente intatta, selvaggia, aperta su immensi spazi. Qua e là la fauna selvatica interrompe l’infinito orizzonte di praterie e rilievi, nuvole bianche e soffici che si stagliano nel cielo blu. E’ lo stato il cui nome deriva dalla lingua degli indiani Delaware “on the great plains”: logicamente, trattandosi di un territorio di praterie selvagge.

Uno degli esempi migliori di natura incontaminata é allo Yellowstone National Park, che diventò il primo parco nazionale americano nel 1872.  Oltre 10.000 fonti termali continuano ad affascinare il visitatore ed i geologi. Tra i geyser, le polle d’acqua bollente e le vasche termali calde più famose, domina l’Old Faithful Geyser, che erutta approssimativamente ogni 90 minuti e s’innalza fino a 40 metri d’altezza dal suolo. Proprio a sud di Yellowstone si trova il Grand Teton National Park, ove si ergono ripide, spuntando nella vallata, le spettacolari Teton Mountains.

Nel versante nord orientale del Wyoming ci s’imbatte nel primo monumento nazionale creato in America, poi adottato in epoca contemporanea dalla filmografia hollywoodiana. Devils Tower fu, infatti, il luogo dell’atterraggio degli alieni in “Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo” di Steven Spielberg.Se il rodeo é un’occupazione oltre che uno sport nel Wyoming, é pur anche uno spettacolo che si può ammirare ogni giorno d’estate, ovunque nello Stato. Ma il più grande rodeo del mondo si svolge ogni anno a fine luglio a Cheyenne, la capitale dello stato: Cheyenne Frontier Days è infatti soprannominato The Daddy of them All. A Cody il Cody Stampede il 4 di Luglio, è seguito dagli usuali appuntamenti giornalieri che fanno di questa graziosa cittadina una delle mete preferite per i rodei western. I rodei in ogni caso non sono gli ambienti unici nei quali incontrare i veri cowboy. Infatti il Wyoming è il luogo ove si trovano ancora i working cowboy. Numerosi ranch offrono l’opportunità di un soggiorno di alcuni giorni se non addirittura settimane, unendosi al lavoro del cowboy. Per chi invece è poco incline al lavoro e riluttante a spostare mandrie di bestiame, esistono i guest ranch: dal più rustico e semplice al cinque stelle lusso.

Potrete ripercorrere gli storici percorsi tracciati dalle carovane dei pionieri ed apprendere la storia delle più leggendaria emigrazioni nell’ovest visitando a Casper, il National Historic Trails Interpretative Center che narra dei quattro maggiori itinerari della storia del West: l’Oregon Trail, il Mormon Pioneer Trail, il California Trail ed il Pony Express Trail.

La tradizione western è viva e permea l’atmosfera del Wyoming, tanto che i patiti della storia possono anche battere i percorsi dei famosi fuorilegge, che depredavano mandrie di bestiame, assalivano banche e treni. Ad Hainer, Kid Curry, ed i famosi Sundance Kid e Butch Cassidy  fecero parte del gruppo chiamato The Wild Bunch, il  Mucchio Selvaggio. Il loro primo covo fu “hole in the wall”, una valle desolata del Wyoming centro settentrionale, che prendeva il nome dalla fenditura nella rupe per la quale si entrava. Nascosta da un’altissima muraglia di roccia rossa, raggiungibile tramite un’impervia gola, piena di caverne e di stretti passaggi. La Wyoming Territorial Prison di Laramie, ove fu imprigionato Butch Cassidy è oggi un museo molto interessante.

E che dire dei trapper o mountain man, i leggendari cacciatori, che solitari percorrevano le terre del Nord-Ovest alla ricerca delle preziose pelli e pellicce, destinate ad essere vendute nei mercati europei e delle metropoli americane della costa Est. S’incontravano ai Rendeszvous  nel Wyoming scambiando le loro pellicce con mercanti e Nativi della regione, ed oggi, a più di un secolo e mezzo di distanza, nei weekend di primavera e d’agosto in molte località del Wyoming, colorate e divertenti rievocazioni delle grandi fiere dei trapper dell’Ovest propongono l’atmosfera del West dei primi dell’800. Fort Bridger Mountain Man Rendezvous é il secondo evento più grande del Wyoming e raccoglie ogni anno circa 40.000 persone durante il Labor Day Weekend.

La cultura dei nativi americani é originale e s’oppone alla finzione delle narrazioni e dei fumetti “cowboy&indian” tale da mostrarsi genuinamente alla  Wind River Indian Reservation nel cuore del Wyoming. Gli Indiani Nativi di questa riserva fanno parte della tribù degli Eastern Shoshone e dei Northern Arapahoe.

Il Wyoming é la meta top per gli sport invernali ponendo Jackson all’apice, grazie agli impianti sportivi. Tre sono le zone sciistiche di rilievo tali da definire la cittadina ski town: The Jackson Hole Mountain Resort al Teton Village offre la più lunga pista di discesa di qualsivoglia altra destinazione in America. A Jackson Hole non mancate una gita al National Elk Refuge,  luogo ove si radunano circa 8000 cervi che vi giungono durante i mesi invernali per il pascolo libero, nutriti grazie a balle di fieno. Avvistare la fauna d’inverno è consuetudine, soprattutto all’interno dei parchi nazionali, oppure intraprendendo un’escursione in motoslitta: alci, cervi, puma di montagna, coyote e lupi.

Abbinare le attività invernali all’aperto, ai bagni caldi termali è certamente una delle prerogative più usuali per chi vuole godere al massimo di sport e relax combinati. Ed ecco che tra percorsi di sci di fondo o motoslitta nel Wyoming centrale la sosta a Thermopolis – la più grande fonte di acqua calda nel mondo – è un must. Due sono le grandi vasche naturali, organizzate e strutturate in complesso termale: Star Plunge e Teepee. Le temperature arrivano fino a 41 gradi C°. Gli hotel siti nell’area dispongono di ogni servizio ulteriore: massaggi e piscina di acqua minerale. Hot Springs State Park di Thermopolis è un’esperienza che si gode maggiormente in inverno!

Sito web in italiano: www.RealAmerica.it – Brochure in Italiano disponibile – Sito ufficiale:   http://www.travelwyoming.com/

Per informazioni:

Rocky Mountain Int. – Italia
rappresentato da Thema Nuovi Mondi srl
Via C. Pisacane 26 – 20129 Milano, Italy
Tel.: (+39) 0233105841 – Fax: (+39) 0233105827
E-Mail: rockymountain@themasrl.it – Web: www.realamerica.it

FB Real America – Italia