NEW ORLEANS celebra il suo 300° Anniversario nel 2018: compleanno speciale per una città Must-Visit che raccoglie numerosi riconoscimenti e guarda ai prossimi 300 anni.

La città di New Orleans – fondata nel 1718 da Jean-Baptiste Le Moyne, Sieur de Bienville – continua a ricevere riconoscimenti: é la meta top del 2018 per molte prestigiose testate di viaggi e lifestyle. Il suo trecentesimo dura un anno intero ed é celebrato con una moltitudine di eventi che si aggiungono ai numerosi festival annuali ben noti, d’arte, cultura, gastronomia, musica.  CONDE’ NAST TRAVELER ha inserito NEW ORLEANS tra le prime cinque destinazioni della sua classifica “18 Best Places to Travel in 2018.  TRAVEL + LEISURE annuncia i 50 luoghi ove viaggiare nel 2018 e New Orleans é citata tra le località americane ed internazionali.
La rivista suggerisce di esplorare il Central Business District in fase di risorgimento e di segnare in agenda la visita al quartiere Riverfront. FODOR’S TRAVEL menziona New Orleans nella propria “Go List” tra le 52 mete per il 2018,  mixando attrattive classiche a quelle contemporanee, ristoranti e festival. Le guide di FROMMER’S TRAVEL includono la città tra i “Best Places to Go in 2018” selezionata dai propri autori ed editori del mondo. Il noto Travel Blog THE POINTS GUY ha incluso la città tra le proprie “18 Amazing Places to Travel in 2018”. NEW ORLEANS da tempo é tra le città preferite dai viaggiatori, in grado di miscelare un ricco retaggio storico alla leggendaria ospitalità del Sud-USA, la sua cultura e la sua autenticità non sono comparabili ad altre città del mondo. 

Il mese di gennaio nel giorno dell’Epifania é iniziato il trecentesimo Mardi Gras con la King’s Day Celebration; fino al 13 Febbraio la città presenterà parate in sfilata, le Mardi Gras Parades ed in chiusura del mese la famosa – Krewe du Vieux   il 27 gennaio, ed il 28 un festival dedicato al dolce del carnevale per eccellenza – King Cake Festival. Il 13 Febbraio si festeggia il Mardi Gras Day e dal 28 fino al 28 maggio é in programma la mostra THE FOUNDING ERA al museo HISTORIC NEW ORLEANS COLLECTION nel French Quarter. In questi 300 anni di storia la città celebra anche la sua cattedrale:  la Cathedral Church é infatti considerata la Mother Church di tutte le chiese dal Golfo del Messico ai Grandi Laghi, dall’ovest del Mississippi River fino alle Montagne Rocciose; é la culla del Cristianesimo nell’area geografica della Mississippi Valley. La mostra The Church in the Crescent: 300 Years of Catholicism in New Orleans illustra la storia del Cattolicesimo a  New Orleans dal  1718 al 2018 con una speciale enfasi, appunto, sulla St. Louis Cathedral Church. Inoltre celebra la storia dell’ Old Ursuline Convent – il più antico edificio costruito nella Mississippi Valley nel 1745 – e la storia dell’arrivo delle suore Orsoline a New Orleans nonché del loro contributo nell’istruzione della città. Infine illustra la costruzione della  St. Mary’s Chapel costruita nel 1845 per l’Arcivescovo Antoine Blanc. Molteplici i reperti, gli schizzi, le fotografie, ritratti e lettere che narrano la storia di una piccola iniziale chiesa di legno per arrivare ai nostri giorni ed all’attuale iconico edificio.

Il 3 e 4 marzo é l’ora del Congo Square New World Rhythms Festival: il fenomeno tutto africano degli ipnotici ritmi musicali che dalla Congo Square nelle giornate della domenica, portarono alla nascita del jazz. In questo luogo che é una sezione dell’odierno Louis Armstrong Park, si festeggia la nascita della musica americana. Dall’8 marzo fino a settembre con l’occasione del trecentesimo anniversario di New Orleans si narra la storia del nativo dello Yucatan Josef Francisco Xavier de Salazar y Mendoza la cui carriera si estese quasi per tutta l’amministrazione spagnola della città, con la mostra Portraits of Influence in Spanish New Orleans, 1782 – 1802 all’Ogden Museum of Southern Art. E’ la volta del Supper Sunday – che nulla ha a che vedere con il tradizionale giorno di gioco del Super Bowl – e che coincide con la giornata delle Tribù Native Indiane che celebrano il Mardi Gras marciando in processione nelle strade dei propri quartieri. E’ la domenica più vicina a San Giuseppe (St. Joseph Day).

Il Tennessee Williams New Orleans Literary Festival dal 21 marzo celebra l’autore del Tram Chiamato Desiderio ma anche l’artista che fece di New Orleans la propria dimora nel periodo più creativo e fecondo della propria vita. E’ una kermesse di scrittori teatrali, autori, attori e speaker in dibattiti letterari, corsi e spettacoli di teatro originali. Alla sua 32° edizione questo festival di cinque giorni é la testimonianza che per 300 anni New Orleans é stata il cuore pulsante della arti, tanto che nel 2018 il festival annuncia partecipanti eccezionali (Lisa D’Amour, finalista del Pulitzer e pluripremiato-autore di Detroit ed Airline Highway; Richard Ford, vincitore del Pulitzer per Independence Day e Between Them: A Memoir of My Parents  ed infine la star emergente della scena letteraria di New Orleans: Anne Gisleson, autrice di The Futilitarians: Our Year of Thinking, Drinking, Reading and Grieving) oltre ad iniziative quali tour letterari ed LGBT del French Quarter nonché due pubblicazioni speciali: New Orleans: The First 300 Years, edito da Errol Laborde e Peggy Scott Laborde, e New Orleans to the World, edito da Nancy Dixon

In un crescendo festivo ad aprile si svolge dal 9 al 25 la Tricentennial NOLA Navy Week e Tall Ships of America: é la celebrazione delle tradizioni navali della città, lungo il Mississippi Riverfront; l’arrivo di vascelli storici e velieri da tutto il mondo é uno dei tanti eventi per festeggiare il New Orleans’ 300th Anniversary. Durante Tall Ships® New Orleans 2018 verranno proposte attività in due luoghi: il Woldenberg Riverfront Park all’ Audubon Aquarium of the Americas che ospiterà i velieri offrendo tour delle navi sul Mississippi River e Pontchartrain Landing che ospiterà le golette When and If Lynx con 90 minuti al giorno di veleggiata.

Fino al 31 di luglio é possibile scoprire tutte le donne che hanno lasciato il segno a NOLA.  Women of New Orleans: Builders and Rebuilders presentato da Nola4Women in diversi e molteplici eventi onora generazioni di donne che hanno giocato un ruolo importante nella storia della città: mostre. spettacoli, seminari ed altro ancora.

Tra gli eventi di agosto l’annuale COOLinary Festival promette sorprese a prezzo fisso dall’1 al 31 del mese:  cucina delizia del palato e parte integrante della cultura e storia della città. Una combinata perfetta con tutta una serie di iniziative in città: dal MESE del MUSEO a New Orleans con accesso gratuito ai musei cittadini, al Satchmo Summerfest  che celebra il figlio nativo della città Louis “Satchmo” Armstrong, con musica dal vivo, parate second line, una messa jazz alla St. Augustine Church, la festa di compleanno di Satchmo ed altro ancora. Quindi la Whitney White Linen Night il 5 agosto per festeggiare la prima notte più artistica dell’estate in candido bianco unitamente a 16.000 appassionati d’arte nell’ Arts District. A seguire il 12 agosto, la tradizionale Dirty Linen Night: i commercianti della Royal Street organizzano una passeggiata nelle gallerie d’arte del French Quarter, chiudendo il traffico in 5 o 6 isolati ed offrendo dirty martinis e dirty rice (riso bianco in stile Cajun con fegatini di pollo e frattaglie). Ma se si desidera il massimo della “decadenza” si partecipa al Southern Decadence, dal 30 agosto al 4 settembre: é una delle celebrazioni maggiori a New Orleans ed é nota ormai come “Gay Mardi Gras” con parate e musica in strada.

Aggiungiamo un altro tra i tanti appuntamenti d’autunno: Voodoo Art + Music Experience, dal 27 al 29 ottobre poiché il Voodoo é in ogni luogo nello storico City Park della città, tra la verdeggianti lagune ed i bayous, querce secolari tanto che  Bob Dylan ebbe a dire: “There are a lot of places I like, but I like New Orleans better.”

Il 300° Anniversario di New Orleans segna il percorso compiuto dalla città ma anche il sentiero da imboccare per il futuro. New Orleans é una città più sicura, le scuole stanno migliorando e l’economia si é irrobustita; nonostante tutto necessita ancora di sforzi per superare i prossimi 300 anni. Intanto la città sta costruendo un nuovo aeroporto, sta sviluppando un fronte fluviale rinnovato e creando una corridoio sanitario e medico del 21° secolo. Tutto l’impegno di New Orleans é quello di creare prosperità per i suoi cittadini ed assicurare un futuro alla “NEW” New Orleans, dove ogni individuo sta bene, riflettendo il benessere su tutta la comunità. Il lavoro del 2018 é il risultato di 300 anni di sforzi e la città é pronta a dare il benvenuto ad ogni nuovo e vecchio visitatore, per unirsi alle celebrazioni del passato mentre già si crea il futuro.

Per uno sguardo ai progetti del futuro in corso a New Orleans: http://2018nola.com/projects/

Video: https://goo.gl/JGAfEL