SODDISFA LA TUA SETE in SOUTH CAROLINA!

 

 

Sarà per il caldo delle giornate estive o semplicemente per la voglia di socializzare, ma gli abitanti della SOUTH CAROLINA hanno sempre avuto sete e desiderio per le proprie bevande locali: che sia lo sweet tea, una bella birra gelata oppure la mitica famosa pozione “white lightning,” aka moonshine. L’assetto “liquido” in South Carolina è il fulcro di una campagna promozionale turistica nel 2016: SATISFY YOUR THIRST. E’ un invito ai viaggiatori in questo splendido stato del Sud affacciato sulle sponde atlantiche a visitare i luoghi di produzione ed  assaggiare ogni tipo di bevanda qui prodotta, nonché “idratarsi” bene durante l’esperienza di viaggio!

Il Palmetto State “rinfresca” così il suo look: sorseggiare e scoprire le attrattive autentiche, con le tante storie radicate profondamente nelle tradizioni e nella cultura del South. Dopo aver gustato un SOUTH CAROLINA BARBEQUE calcando i percorsi predisposti in tutto lo stato, perché non lasciarsi andare davanti ad un bicchiere con l’ausilio di una app per il cellulare ? Si troveranno così anche tanti festival ed eventi coinvolgenti. http://discoversouthcarolina.com/articles/the-satisfy-your-thirst-tour-app

La SOUTH CAROLINA dispone di almeno 90 aziende produttrici di bevande: dagli imbottigliatori come Blenheim Plant ad Hamer, ai caseifici e produttori di latte quali Hickory Hill Milk a Edgefield, ai mastri birrai dei birrifici artigianali come Hub City Tap House a Spartanburg ed altri 40 disseminati in tutto lo stato, o ai distillatori come Daufuskies Island Rum Company o i produttori di vini e proprietari di vigneti quali La Belle Amie a Little River. Ogni attrattiva offre tour per visitare i luoghi di produzione delle bevande ed effettuare assaggi. Una cartina illustrata è scaricabile dal sito, pronta per pianificare il viaggio! http://discoversouthcarolina.com/satisfy-your-thirst

Piantagioni di the iniziarono il commercio negli USA proprio grazie a Junius Smith a Greenville tra il 1848 e 1853 e a Summerville dal 1888 al 1915. Oggigiorno il the è coltivato a Wadmalaw Island alla Charleston Tea Plantation, che produce l’American Classic Tea, coltivato al 100% in South Carolina. I locali amano il tipico iced tea in qualsivoglia modo: da leggermente zuccherato allo sciropposo, tanto che la sua preparazione quotidiana é osannata dallo scrittore di Charleston Ken Burger, che ha intitolato un suo libro “Baptized in Sweet Tea.”

All’estremo dello spettro della “potenza liquida” – nate nell’epoca del Proibizionismo – le distillerie in luoghi remoti, ove i contadini creavano dal granturco e dallo zucchero un liquido d’oro: il  moonshine. Con il cambio della legge nel 2009 si consentì la produzione di alcolici; queste distillerie sono cresciute e si sono moltiplicate pur rimanendo artigianali e producendo bourbon, rum, vodka e naturalmente il buon vecchio “corn likker.” Alcuni di questi produttori mantengono un nome che richiama alle antiche radici: Dark Corner (dall’angolo nordovest della South Carolina) o Copperhead Mountain e Carolina Moon .

La birra artigianale ha letteralmente travolto l’America nell’arco di pochi anni tanto da trovare la sua produzione anche nel SOUTH CAROLINA consentendo ai birrai di produrre in proprio, imbottigliare o metter in lattina e vendere alle drogherie ed ai bar. Si contano oltre 40 birrifici dall’Upstate fin sulla costa: varietà di ale, lager, pilsner, stout ed altre ancora escono dalle produzioni di Palmetto, Coast, River Rat, Swamp Cabbage. Nomi che riflettono tradizioni e storia del Palmetto State.

 

INFO: TRAVEL SOUTH USA ITALIA

www.TravelSouthUSA.com

TravelSouthUSA@themasrl.it

FB Travel South USA Italia